Dylan Dog. Il sorriso dell’oscura signora

Dylan Dog è il celebre personaggio nato dalla penna di Tiziano Sclavi, protagonista di una serie di fumetti di grande successo pubblicata da Sergio Bonelli Editore a partire dal 1986.

Dylan Dog, che deve il suo nome al poeta Dylan Thomas, vive a Londra, al civico 7 di Craven Road, fa l’investigatore privato e risolve casi che hanno a che fare con esseri o circostanze paranormali, ritrovandosi il più delle volte in situazioni terrificanti.
Ora, il più noto indagatore dell’incubo del mondo dei fumetti poteva non essere annoverato tra le letture a tempo determinato dedicate all’horror? Ovviamente no. Oggi quindi vi facciamo conoscere meglio Dylan Dog. Il sorriso dell’oscura signora, scritto da Tiziano Sclavi, disegnato da Nicola Mari e colorato da Lorenzo De Felici, nel volume edito da Bao Publishing.

Qui trovate alcune tavole del fumetto e di seguito potete leggere un’intervista molto interessante a Nicola Mari.

“Il disegno della prima versione de “Il sorriso dell’oscura signora” era profondamente viscerale e cerebrale insieme, estremo ed espressionista. Era l’effetto di un vero e proprio affondo nella mia dimensione folle; unico luogo possibile da cui poter trarre idee e contenuti che, solo entrando in relazione dialettica con la componente razionale, possono portare ad un risultato creativo, termine che amo poco, ma tanto per intenderci… Nel periodo in cui disegnavo “Il sorriso dell’oscura signora” il dialogo era, come dire, autoreferenziale, un soliloquio della parte folle con se stessa. Ma anche la follia possiede una sua geometria, una sua norma, la mia norma in quel preciso momento. Una follia molto razionale, dunque, che mi rendeva sostanzial-mente inconsapevole del mio scompaginare i “fondamentali”del fumetto, non solo bonelliano”. Continua su Fumettologica.

Scoprite tutti i consigli di lettura horror dei librai di Lotto 49!

Michela

Tiziano

Cristina 

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>