“Mio padre il grande pirata”

Dopo Il piccolo capitano, parliamo ancora di navi e di mare, anche questa volta in un modo un po’ particolare. Il secondo consiglio di lettura di febbraio si intitola Mio padre il grande pirata, è scritto da Davide Calì, illustrato da Maurizio A.C.Quarello e pubblicato da Orecchio Acerbo.

“Quando ero bambino, mio padre era lontano. Tornava a casa solo una volta l’anno, d’estate, per due settimane. Odorava di mare, mio padre. Questo perché era un pirata. Un grande pirata”.

La storia che vi proponiamo è raccontata in prima persona e ha per protagonista un bambino che aspetta con trepidazione il ritorno del padre, che vive lontano per lavoro. Il bambino è convinto che sia un pirata, i regali e gli oggetti che riceve, come anche i racconti avventurosi del papà, ne sono una chiara dimostrazione. Un giorno però, un incidente porterà il ragazzino a scoprire una verità ben diversa da quella a cui ha sempre creduto e su cui ha fantasticato.
Un libro ben scritto e ben illustrato che affronta un tema importante come quello dell’emigrazione con la leggerezza di una fiaba.

Su Rai Letteratura Davide Calì e Maurizio A. C. Quarello raccontano come è stato realizzato Mio padre il grande pirata.
Su Biblioragazzi potete leggere una recensione per scoprire qualche dettaglio in più su questo bel libro.

Mio padre il grande pirata
di Davide Calì (autore) e Maurizio A. C. Quarello (illustratore)
Orecchio Acerbo
Età consigliata: 8+ anni

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>